La “Linea del tempo delle Ere Geologiche” consiste nella trasposizione sottoforma di illustrazioni del passaggio del tempo dai primordi della formazione geologica del Pianeta Terra all’avvento dell’Uomo.
E’ un’infografica nata dalla considerazione che mancassero su libri di testo e pubblicazioni scientifiche analoghe immagini esplicative. L’esigenza era di avere una idea quanto più possibilmente chiara su quegli aspetti cronologici che vengono sempre tralasciati a motivo delle immense distanze temporali trattate che risultano assai difficili da poter rappresentare fisicamente.

Nel linguaggio comune e a livello di istruzione base, il periodo che precede la comparsa delle prime forme di vita o addirittura la comparsa del genere umano, è spesso trattato come un lasso di tempo indefinito che viene talvolta persino tralasciato dando per scontato che la Storia abbia inizio con l’Uomo.
Se desideriamo avere un’idea più completa di cosa ci ha preceduto, troviamo i giusti approfondimenti nelle pubblicazioni scientifiche. Qui però, stranamente e ancora una volta, non ci sarà ugualmente possibile avere una panoramica visiva e concreta di cosa significa parlare di ere geologiche della durata di milioni di anni.
Infatti, se siamo fortunati, troveremo solo delle tabelle che elencano l’ordine delle ere che si sono susseguite con riportate a fianco delle indicazioni cronologiche di massima.
Quelle di cui si parla risultano dimensioni temporali di tale dimensione e portata che appaiano semplicemente incomprensibili per la mancanza di parametri di confronto.

La sfida è stata quindi quella di poter illustrare queste distanze siderali per avere almeno una vaga idea delle tempistiche intercorse dalla formazione del pianeta Terra all’Uomo.

Enrico Brunelli – Graphic Designer ha ideato e disegnato le infografiche della “Linea del tempo delle Ere Geologiche” che in seguito sono state pubblicate e adottate in iniziative di divulgazione dello sviluppo dei suoli e della formazione geologica.
Le illustrazioni, corredate da testi esplicativi, sono edite in lingua inglese e in lingua italiana.

Lo stile seguito è stato il più possibile minimale ricorrendo all’impiego del colore solo per rendere più chiara la leggibilità della grafica.
La scala temporale scelta è quella dei milioni di anni mln/years.
Dati gli obiettivi a carattere divulgativo, l’infografica ha un linguaggio semplificato per avvicinare il grande pubblico.

Man mano che lo sviluppo dell’illustrazione procedeva, mi rendevo conto di dover continuamente riadattare il disegno per cercare di mantere un rapporto proporzionale dell’insieme che permettesse di generare un elaborato finale le cui dimensioni consentissero la stampa su di un unico foglio.
Allo stesso tempo, le ere più recenti a noi (a partire da 600 milioni di anni fa) necessitavano però di più spazio in quanto più ricche e dense di informazioni.
Per rispettare le proporzioni e allo stesso tempo avere spazio per riportare i dati, ho pensato di sviluppare un ingrandimento zoom inerente la parte più recente della cronistoria.

L’osservazione di questa infografica permette di avere una qualche idea più definita di quanto ci ha preceduto, intuendo dimensioni temporali sconcertanti ma pure affascinanti che consentono di mettere l’avvento dell’Uomo nella giusta scala rispetto alla Storia del pianeta Terra.
Basti pensare che tutta la storia dell’uomo è riassunta nella porzione infinitesima più recente all’interno del Periodo Quaternario che, già a motivo del suo recente avvento (che dura da appena 2 milioni di anni) è a sua volta del tutto trascurabile rispetto alle Ere che lo hanno preceduto.

Qui sotto è riportata una tabella tipo delle innumerevoli pubblicate tradizionalmente su libri di testo.
Fornisce una buona panoramica riassuntiva sullo sviluppo delle Ere geologiche ma non esprime in maniera visiva la reale durata dei periodi. Ne conseguen l’incapacità di comprendere il reale peso del tempo, delle durate coronologiche e degli avvenimenti riportati.

esempio tabella ere geologiche illustrazione infografica durata periodi

Esempio di tabella con le Ere geologiche e indicazioni ma priva di proporzioni temporali indicative della durata dei singoli periodi. La conseguenza è un’appiattimento dei tempi agli occhi dell’osservatore essendo impossibile comprendere, senza un’apporto visivo, la reale durata delle ere.